venerdì 26 maggio 2017

Bandi 2017 del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, delle Regioni e Province autonome, per la selezione di 47.529 volontari da impiegare in progetti di Servizio civile nazionale in Italia e all'estero. Scadenza 26/6/2017 ore 14:00


Sono stati pubblicati i Bandi 2017 del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, delle Regioni e Province autonome, per la selezione di 47.529 volontari da impiegare in progetti di Servizio civile nazionale in Italia e all'estero.

E' possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di Servizio Civile Nazionale, da scegliere tra quelli inseriti nel bando nazionale o nei bandi regionali e delle provincie autonome, pena l'esclusione dalla selezione.

LA DOMANDA VA PRESENTATA ALL'ENTE CHE REALIZZA IL PROGETTO PRESCELTO; OCCORRE QUINDI CONSULTARE IL SITO WEB DI TALE ENTE.
Data di scadenza per la presentazione delle domande: 26 giugno 2017 - ore 14.00



venerdì 21 aprile 2017

Bando di selezione per 1.298 volontari da impiegare nelle aree terremotate delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria – Scadenza 15 maggio 2017

Risultati immagini per logo servizio civile

On line il bando per la selezione di n. 1.298 volontari da avviare nei progetti di servizio civile nazionale che si realizzeranno nelle aree terremotate del centro Italia interessate dagli eventi sismici dell’anno 2016.

Il bando è articolato in 14 progetti, di cui: 3 nella Regione Abruzzo per 163 volontari, 4 nella Regione Lazio per 279 volontari,4 nella Regione Marche per 616 volontari e 3 nella Regione Umbria per 240 volontari.

Le domande di partecipazione, indirizzate direttamente all’ente che realizza il progetto prescelto, dovranno pervenire entro le ore 14.00 del 15 maggio 2017.

Vai al link del bando

venerdì 7 aprile 2017

Settimana Europea della Gioventù e 30 anni di Erasmus

Il 4 e 5 maggio 2017 l’Agenzia Nazionale per i Giovani realizzerà a Roma un evento nell’ambito dell’8° edizione della Settimana Europea della Gioventù e della celebrazione dei 30 anni di Erasmus.



Un’occasione per i giovani under 30 per entrare in contatto con i loro coetanei, acquisire informazioni utili al proprio percorso di crescita e formazione, fare rete e creare sinergie utili alla progettazione in ambito europeo. L’appuntamento è rivolto a 200 giovani italiani, con l’obiettivo di rafforzare la conoscenza delle tematiche connesse ad Erasmus+ e consentirne una sempre maggiore promozione.

Per saperne di più

martedì 4 aprile 2017

Giornata Mondiale per la Terra


Il 22 aprile si celebra La Giornata della Terra occasione per  riflettere sull'ambiente e la salvaguardia del pianeta Terra. Le nazioni Unite celebrano questa festa ogni anno, un mese e due giorni dopo l'equinozio di primavera, il 22 aprile. 
L’Earth Day è la più grande manifestazione ambientale del pianeta, l’unico momento in cui tutti i cittadini del mondo si uniscono per celebrare la Terra e promuoverne la salvaguardia. La Giornata della Terra, momento fortemente voluto dal senatore statunitense Gaylord Nelson e promosso ancor prima dal presidente John Fitzgerald Kennedy, coinvolge ogni anno fino a un miliardo di persone in ben 192 paesi del mondo.

martedì 21 febbraio 2017

Giornata Internazionale della Lingua Madre

Il 21 febbraio ricorre la Giornata Internazionale della Lingua Madre.
La celebrazione è stata indetta dall'UNESCO per promuovere la diversità linguistica e culturale e il multilinguismo. Istituita nel 1999, è  dedicata all’importanza dell’identità e della pluralità dei linguaggi, che come molti altri elementi culturali, devono essere infatti preservati e rispettati, in quanto rappresentano un fulcro dell’identità di ogni popolo, espressione dei luoghi, delle tradizioni, costumi, radici materiali e immateriali.

Il 21 febbraio è stato scelto per ricordare il 21 febbraio 1952, quando diversi studenti bengalesi dell'Università di Dacca scesero in piazza per sostenere il Bengali Language Movement per la difesa della lingua bengalese come lingua ufficiale e furono uccisi dalle forze di polizia del Pakistan (che allora comprendeva anche il Bangladesh) mentre protestavano.